Anpal Servizi Navigator

Anpal Servizi, bando per Navigator: come presentare domanda, stipendio, requisiti e test

Navigator, bando Anpal: ecco come si dovrà presentare la domanda e quali sono i requisiti previsti per essere assunti

E’ partito il bando Anpal per partecipare alla selezione dei Navigator, le nuove figure professionali funzionali al reddito di cittadinanza che dovranno aiutare i richiedenti a trovare una occupazione adeguata e ad orientarsi nel mondo del lavoro e della formazione. Inizialmente il numero complessivo doveva aggirarsi attorno ai 6 mila assunto, poi è stato dimezzato dopo che le risorse stanziate sono state ridotte. Chi vorrà prendere parte al bando potrà iscriversi a partire dalle 10.00 del 18 aprile e fino alle 12.00 dell’8 maggio 2019 recandosi sull’apposito sito creato dall’ANPAL e dedicato esclusivamente al reclutamento di Navigator dove si potrà compilare la domanda.

Come presentare la domanda per Navigator

Per presentare la propria candidatura serviranno il Pin Inps, lo Spid (sistema pubblico di identità digitale) e la Cns (la Carta dei Servizi).

Come ha spiegato l’Anpal, la figura del Navigator servirà a selezionare e formare chi presenta domanda al fine di integrarsi nel nuovo contesto caratterizzato dall’introduzione del reddito di cittadinanza. Saranno loro a “supportare” (e non affiancare) gli operatori dei centri per l’impiego, agevolando il percorso di inserimento.

Requisiti per essere ammessi

Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti richiesti per presentare la domanda stabiliti dal Bando Anpal per il reclutamento di Navigator. Sono ammessi al concorso tutti coloro che hanno una laurea magistrale nelle discipline elencate nel bando fra le quali economia, scienze politiche, sociologia e psicologia. E’ obbligatoria la cittadinanza italiana o di un Paese Ue, il godimenti dei diritti civili e politici, non aver riportato condanne penali anche con sentenze non definitive per reati come truffa, corruzione, terrorismo, riciclaggio e altri e non aver subito in passato licenziamenti o dispense dall’impiego presso una pubblica amministrazione. Per ogni singola provincia sono ammessi al massimo 20 candidati e la selezione avverrà in base al voto di laurea e l’età con preferenza per le persone più giovani.

Svolgimento test: le cose da sapere

La prova avverrà con un test a risposta muiltipla di 100 domande che verteranno su temi che riguarderanno cultura generale, logica, informatica, reddito di cittadinanza, disciplina dei contratti di lavoro, regolamentazione del mercato del lavoro.
Si dovrà rispondere alle 100 domande in 100 minuti massimo. Chi verrà assunto firmerà un collaborazione continuativa che durerà fino al 31 aprile 2021. Lo stipendio percepito ammonterà a 27.338 euro lordi all’anno.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *