vita su Plutone

C’è vita su Plutone? Un oceano delle dimensioni del Texas potrebbe rispondere a questa domanda

Ormai è tempo di smettere di chiederci se Plutone sia o meno un pianeta: potrebbe aver ospitato delle forme di vita, e nella Via Lattea potrebbero essere esistiti molti più oceani di quanto pensassimo. Lo afferma una nuova ricerca che teorizza la possibile esistenza di un oceano, situato sotto la superficie del lontanissimo, ghiacciato pianeta nano, che ospitasse delle forme di vita.

Mentre finora Plutone era considerato un mondo di ghiaccio, alcuni scienziati giapponesi hanno individuato un’area delle dimensioni del Texas che potrebbe contenere un oceano liquido isolato dalla superficie del pianeta.

Attualmente, gli astronomi ritengono che la presenza di vita su pianeti che, come la Terra, gravitano in un’orbita “non troppo fredda né troppo calda” chiamata la “zona Goldilocks”, sia probabile.

Questo nuovo studio potrebbe allargare la prospettiva. Shunichi Kamata, Professore Associato alla Hokkaido University e principale autore del rapporto “Pluto’s ocean is capped and insulated by gas hydrates” (pubblicato su Nature Geoscience), afferma che questo potrebbe significare che nell’Universo esistono molti più oceani di quanto pensassimo, rendendo l’esistenza di vita extraterrestre più plausibile.

Finora si pensava che Plutone fosse troppo freddo per ospitare oceani allo stato liquido, poiché la sua età comportava il congelamento di qualsiasi oceano. Ma, come si legge nel documento, per ospitare un oceano il pianeta ha bisogno di accumulare calore e, d’altra parte, di conservare grandi variazioni di spessore e una temperatura fredda.

Gli scienziati ritengono che lo stato liquido dell’oceano possa essere preservato da uno strato isolante di gas, probabilmente metano. Questo gas, proveniente da materiale organico all’interno del cuore roccioso del pianeta, potrebbe assumere la forma di gas idrati che isolano l’oceano dal ghiaccio. Questa teoria collima con la composizione dell’atmosfera di Plutone, povera di metano e ricca di nitrogeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *