cambiamenti climatici
Attualità

Il riscaldamento degli oceani sta condizionando negativamente la pesca: è crisi globale

I cambiamenti climatici stanno avendo un grande impatto anche sulla pesca, ecco i risultati di due studi scientifici pubblicati su Science

Il riscaldamento delle temperature degli oceani ha già messo un freno alla pesca mondiale e l’impatto peggiorerà nel tempo se le emissioni di gas serra continueranno al ritmo attuale, secondo diversi studio pubblicati di recente.

In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che la cattura massima sostenibile era significativamente diminuita con il riscaldamento degli oceani nel secolo scorso. L’altro, guardando al futuro, ha scoperto che limitare l’ulteriore riscaldamento globale all’obiettivo dell’accordo di Parigi sul clima di non più di 1,5 gradi Celsius contribuirebbe a proteggere milioni di tonnellate di pescato, per un valore di miliardi di dollari.

“Siamo rimasti sbalorditi nel constatare che le industrie ittiche di tutto il mondo hanno già risposto al riscaldamento oceanico”, ha dichiarato Malin Pinsky della Rutgers University, un coautore dello studio che ha esaminato l’impatto del clima negli ultimi decenni, in una dichiarazione scritta. Lo studio delle passate modifiche alla pesca oceanica, pubblicato giovedì scorso sulla rivista Science, ha esaminato l’impatto dell’innalzamento delle temperature oceaniche su 124 specie marine rappresentative di circa un terzo della cattura globale dal 1930 al 2010. Ha rilevato che “il rendimento massimo sostenibile “o la quantità di pesce che potrebbe essere catturata ogni anno senza mettere a repentaglio i raccolti futuri, è scesa del 4,1% in questo periodo a causa dei cambiamenti climatici.

A rischio l’occupazione nei paesi che vivono di pesca

Il declino ha un impatto diretto sulla sicurezza alimentare e sull’occupazione, specialmente nei paesi in via di sviluppo che puntano molto sulla pesca.

“Gran parte della popolazione mondiale dipende dal pesce come fonte alimentare e di occupazione, e alcune delle regioni in cui ciò è più vero sono le regioni che sono state più colpite dal riscaldamento degli oceani”, ha dichiarato l’autore principale dello studio, Christopher Free, uno scienziato all’Università della California, a Santa Barbara. “Ritengo che i risultati siano davvero importanti come invito all’azione per tenere conto dell’impatto dei cambiamenti climatici nella valutazione dello stato delle popolazioni ittiche e nella definizione dei limiti di cattura e dei regolamenti che impongono il modo in cui gestiamo la pesca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *