Internet

Internet non una dipendenza, ma occhio ad abuso

Il 2020 è iniziato ufficialmente da appena un paio di settimane, e, al di là dei soliti buoni propositi, il suo avvento ha portato in molti ad effettuare alcune interessanti considerazioni. Sembra ieri, infatti, che ci siamo addentrati in un nuovo millennio (un fatto di per sé epocale), eppure da allora sono già trascorsi ben vent’anni. Ma cos’è cambiato in questo lasso di tempo, nella nostra vita quotidiana? Quali sono state le trasformazioni che hanno scosso le fibre del tessuto sociale? Certamente, la prima cosa che viene in mente è internet: la rete in realtà è presente già dalla fine degli anni ’90, ma solamente dal 2000 in poi ha preso piede diventando praticamente imprescindibile per qualsiasi individuo.

Tuttavia, anche internet, nonostante le sue indubbie qualità, ha spesso suscitato dei dibattiti e delle ampie polemiche. Secondo alcuni, infatti, questo strumento sarebbe oggi divenuto una sorta di dipendenza, alla stregua di una droga. Ma è davvero così?

Interrogato in merito, una risposta ha provato a darla Roberto Truzoli, docente presso l’Università Statale di Milano. Secondo il professore sarebbe un errore considerare internet come una dipendenza, dal momento che si parla di un qualcosa che ha modificato l’inerzia e il funzionamento della nostra quotidianità. Tuttavia gli effetti nocivi esistono e non sono da sottovalutare, come emerge da uno studio effettuato su 285 studenti di corsi di laurea nell’ambito della sanità.

Secondo Truzoli, infatti, sono stati registrati casi di persone che presentano quelli che sono i sintomi di una dipendenza, e che, in tal senso, hanno accusato gravi problemi nella loro vita sociale. Caratteristiche importanti, come ansia, confusione, pessimismo, rinuncia a qualsivoglia relazione sociale e isolamento dal mondo esterno, fino ad arrivare addirittura alla depressione. Una fenomenologia non troppo dissimile da quella dell’hikikomori, già oggetto di studi da anni in Giappone e con internet riconosciuto come uno degli imputati principali.

Loading...

1 thought on “Internet non una dipendenza, ma occhio ad abuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo computer. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy & Cookie Policy Cookie policy