ora legale 2019
Attualità

Ora Legale 2019, stanotte il cambio orario: quali sono i rischi per la salute

Torna l’ora legale che ci farà dormire un’ora in più, ma ecco i rischi legati alla nostra salute e l’insidia legata all’insonnia

L’Ora Legale sta per tornare per prendere il posto dell’Ora Solare dando inizio a quella fase in cui si avrà più luce la sera e che durerà fino a fine ottobre. Dovremo spostare in avanti di un’ora la lancetta dell’orologio nella notte fra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019 (dalle ore 2 alle ore 3) e quindi dormiremo un’ora in meno. L’obiettivo reale che indusse i legislatori ad introdurre l’ora legale fu legato ad esigenze di risparmio energetico per la verità oggi vanificate dall’uso smodato di condizionatori e apparecchiature elettroniche nel corso delle ore diurne.

Il cambio orario, con il ritorno dell’Ora Legale, produrrà anche dei contraccolpi alla nostra salute. Non è raro che molte persone accusino disturbi dovuti all’alterazione del ciclo sonno-veglia. Sintomi analoghi a quelli di coloro che viaggiano in aereo tra paesi separati da diversi fusi orari (il jet lag) che determinano insonnia, stanchezza e irritabilità.

Verrà anche ritardata la fase dell’addormentamento, legata alla produzione di melatonina agevolata proprio dal buio, e quindi il rischio di insonnia crescerà. I consigli dei medici sono quelli di mantenere il più possibile inalterato il ciclo sonno veglia per adeguarsi più facilmente ai nuovo ritmi circadiani. Nell’arco di 2-3 giorni, la situazione dovrebbe stabilizzarsi, solo per alcuni soggetti che soffrono di ansia generalizzata, i tempi potrebbero allungarsi di qualche giorno.

Cambio orario, sarà l’ultima volta ?

Dal 2021, il cambio orario sarà abolito come deciso dalla Commissione europea che ha lasciato discrezionalità agli Stati membri che dovranno decidere se tenere solo l’ora legale o quella solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *