terremoto filippine

Terremoto Filippine, 5 le vittime accertate, niente rischio tsunami: gli aggiornamenti

Una scossa di terremoto nelle Filippine ha causato la morte di 5 persone e danneggiato seriamente abitazioni, chiese estrade

Una fortissima cossa di terremoto di magnitudo 6.3 ha causato notevoli danni nelle Filippine, causando anche il crollo di diversi edifici. Secondo alcune fonti provenienti da Manila, ci sarebbero almeno 5 vittime. E’ crollato anche un imponente palazzo a Poroc, dove sono state già recuperare le salme di tre persone, mentre a Lubao un’anziana donna e la piccola nipotina sono state trovate prive di vita.

La scossa di terremoto nelle Filippine ha anche causato un blackout elettrico in vaste zone del paese. L’epicentro del sisma è stato localizzato nella città di Castillejos, nella provincia di Zambales, secondo l’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia (Phivolcs).

Crepe e crolli si sono verificati lungo una superstrada nella regione, mentre una chiesa e alcune case fatte di materiale leggero sono crollate. Secondo indiscrezioni, tralicci elettrici e una parte di una vecchia chiesa a Porac (città nella vicina provincia di Pampanga) sono crollati secondo quanto ha riferito il governatore Pineda.

Il direttore di Phivolcs, Renato Solidum, ha dichiarato che non è stata diramata alcuna allerta tsunami, ma ha esortato la popolazione a tenersi pronta per ulteriori scosse di assestamento. Un testimone Reuters ha detto che gli edifici per uffici ondeggiavano nel principale quartiere degli affari di Makati City, nella capitale Manila, causando l’evacuazione di alcuni uffici.

La zona rossa dell’Anello di Fuoco

Secondo l’US Geological Survey (USGS), il sisma ha colpito alle 17,11 ora locale, a circa 60 km a nord-ovest di Manila a una profondità di 40 km. Inizialmente, l’USGS aveva affermato che la magnitudo era 6,4, ma che in seguito l’ha declassata leggermente. Le Filippine si trovano sul pacifico nella zona denominata “Anello di fuoco” sismicamente attiva, una banda di vulcani a forma di ferro di cavallo e linee di faglia che circondano i bordi dell’Oceano Pacifico.

Nel 1990 la scossa più violenta in una zona altamente sismica

L’ultimo grande terremoto che ha colpito il paese è stato di magnitudo 7,1 e ha ucciso più di 220 persone nelle Filippine nell’ottobre 2013. Nel luglio del 1990, più di 2.400 persone furono uccise nell’isola settentrionale di Luzon da un terremoto di magnitudo 7,8, uno dei più forti che abbia mai colpito il paese.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *