Nescafé

Un’aspra concorrenza spinge Nescafé a rinnovare il prodotto top

Nescafé sta rivisitando il suo prodotto di alta gamma, il caffè Azera, introducendo un nuovo posizionamento del marchio e creando una nuova identità visiva per mantenere il suo “vantaggio competitivo” in un mercato del caffè attualmente in piena espansione. Il nuovo posizionamento mira a far aumentare i benefici del marchio, spostando la sua comunicazione da funzionale a emozionale. Per raggiungere questo obiettivo, l’intera comunicazione sarà incentrata sull’idea di curiosità, con una campagna masterbrand da 8 milioni di sterline.

Vassilis Karalis, responsabile del marchio Nescafé Azera, ha dichiarato: “Abbiamo visto e sentito che la concorrenza si è fatta più intensa e alcuni marchi si sono avvicinati a noi, quindi abbiamo dovuto fare in modo di mantenere il nostro vantaggio competitivo”. Ha spiegato Karalis: “Prima avevamo una proposta molto chiara, ma abbiamo visto i nostri concorrenti entrare in gioco e cercare di sfruttare le nostre risorse. Abbiamo visto il colore arancione spuntare nelle marche più piccole e abbiamo visto il linguaggio dei baristi diventare un linguaggio comune nel settore del caffè. Abbiamo quindi voluto spingerci oltre e portare avanti il nostro slancio”.

La nuova campagna vede per la prima volta Nescafé Azera riunire tutti i suoi prodotti – tra cui caffè solubile, pronto da bere, sacchetti di caffè e caffè freddo – sotto un unico marchio. La campagna , come detto, punterà a risvegliare la curiosità dei potenziali clienti, sia con la proposta di “ricette curiose a base di caffè”, sia influenzando il modo in cui le persone vivono e vedono la vita.

Karalis ha poi aggiunto: “Volevamo l’affermazione di Nescafé Azera come marchio di lifestyle, specificando che si tratta di un marchio di caffè che opera in diversi segmenti. Tuttavia, allo stesso tempo, non siamo il marchio più grande nel panorama del caffè, quindi dobbiamo arrivarci nel modo giusto. Siamo convinti che dovremmo investire per essere più grandi e più audaci nella nostra comunicazione”.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *