WhatsApp

WhatsApp monetizzerà attraverso banner pubblicitari: ecco le ultime novità

WhatsApp in futuro farà business grazie alla pubblicità e ai servizi con le aziende: ecco gli ultimi sviluppi dopo l’addio di Acton e Koum

Gli ultimi indizi evidenzierebbero come WhatsApp si stia ormai approssimando verso un’epoca in cui pubblicità e servizi con le aziende diventeranno realtà. La maggior parte degli utenti di questa app usufruisce dei servizi offerti da WhatsApp senza pagare nulla a Facebook, l’azienda proprietaria dell’app di messaggistica. La storia del reddito e l’imminente lancio di numerosi servizi orientati al marchio WhatsApp suggeriscono che Facebook cambierà il modo in cui l’app di chat farà affari.

Nell’aprile del 2013, l’azienda vantava 200 milioni di utenti attivi mensili. Nell’aprile del 2014, WhatsApp ha avuto 500 milioni di utenti attivi – una crescita del 150% in un anno. Nell’aprile del 2015, WhatsApp aveva 800 milioni di utenti attivi e, nell’aprile del 2017, WhatsApp poteva già festeggiare 1 miliardo di utenti attivi al mese. Nel gennaio del 2019 l’azienda titolare dell’app di messaggistica ha riferito di avere (allora) 1,5 miliardi di utenti ogni mese e circa 300 milioni di utenti attivi ogni giorno.

Nell’agosto 2018, i primi segni dei costi dell’app di messaggistica per le aziende che utilizzano il suo servizio sono diventati pubblici. Si trattava dell’app WhatsApp Business, ora disponibile sull’app store di Google Play, un’app separata dall’app WhatsApp standard. Dopo aver acquisito WhatsApp nel 2014, Mark Zuckerberg ha dichiarato: “WhatsApp è sulla strada per connettere 1 miliardo di persone. I servizi che raggiungono questo traguardo sono tutti incredibilmente preziosi.

Le recenti prese di posizione dei vertici

Le recenti ricadute sulla privacy della Facebook hanno costretto l’azienda di Mark Zuckerberg ad accelerare sulla crittografia cross-service. Zuckerberg ha espresso il desiderio di unificare i sistemi con un unico sistema di messaggi. All’inizio di quest’anno, il capo di WhatsApp, Chris Daniels “ha deciso di lasciare l’azienda”. Nessun motivo è stato fornito da Facebook per la partenza di Daniels. Appena sopra Daniels su Facebook c’era Chris Cox: è stato annunciato che Chris Cox ha lasciato l’azienda nello stesso comunicato stampa di Daniels.

Daniels ha assunto la posizione di vertice per l’app di messaggistica l’anno scorso dopo che i fondatori Brian Acton e Jan Koum hanno lasciato la società. In un’intervista a Forbes, Acton ha dichiarato di essere stato spinto da Zuckerberg e Sheryl Sandberg a “monetizzare WhatsApp” e che “si era ritirato” quando avevano “gettato le basi per mostrare annunci mirati e facilitare la messaggistica commerciale“. Quando Acton sentì di non poter più far parte dell’azienda a causa delle pubblicità e dei messaggi commerciali e così via, ha deciso di fare i bagagli e lasciare l’azienda. “Alla fine, ho venduto la mia azienda, ho venduto la privacy dei miei utenti a un vantaggio maggiore. Ho fatto una scelta e un compromesso.”

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo computer. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy & Cookie Policy Cookie policy