prevedere terremoto
Terremoti

L’intelligenza artificiale può essere la chiave per prevedere un terremoto?

L’Intelligenza artificiale potrebbe aiutare i sismologi a prevedere un terremoto di grande intensità: ecco il parere degli esperti

Prevedere un terremoto è al momento una cosa impossibile, ma alcuni esperti si chiedono se strumenti in grado di analizzare enormi quantità di dati possano individuare i rischi sismici con maggiore precisione. Cinque anni fa, Paul Johnson , sismologo che lavora presso il Laboratorio Nazionale di Los Alamos, non avrebbe pensato che la previsione dei terremoti sarebbe mai stata possibile. Ora, non è così sicuro.

Non posso dire che lo faremo, ma sono molto più fiducioso che faremo molti progressi entro decenni. Ora sono più fiducioso di quanto non sia mai stato.” si legge in una dichiarazione riportata dal sito Smithsonianmag.com.

La ragione principale di questa nuova speranza è una tecnologia che Johnson ha iniziato a esaminare circa quattro anni fa: l’intelligenza artificiale. Molti dei suoni e dei piccoli movimenti lungo le linee di faglia tettonica in cui si verificano i terremoti sono stati a lungo ritenuti privi di significato. Ma gli algoritmi informatici per l’apprendimento automatico delle macchine per analizzare grandi quantità di dati per cercare schemi o segnali – suggeriscono che alcuni dei piccoli segnali sismici potrebbero essere importanti.

Tali modelli informatici potrebbero persino rivelarsi la chiave per sbloccare la capacità di prevedere i terremoti, una possibilità remota così controversa che molti sismologi si rifiutano addirittura di discuterne. Quando la teoria della tettonica a placche ebbe successo negli anni ’60, molti scienziati pensavano che la previsione dei terremoti fosse solo una questione di tempo. Una moltitudine di fattori, dal tipo di roccia alla distanza di una scivolata di faglia, influenzano la forza di un terremoto, e divenne presto evidente che i modelli di attività tettonica su piccola scala non potevano fornire un modo affidabile per prevedere i terremoti più importanti.

Forse piccoli spostamenti e scivoloni, che si verificano centinaia di volte al giorno, potrebbero indicare un leggero aumento della probabilità che un grande terremoto possa verificarsi, ma anche dopo uno sciame di attività tettonica minore, è ancora altamente improbabile che si verifichi un grande terremoto. L’uso dell’apprendimento automatico potrebbe rivelarsi, nei prossimi anni, un sistema affidabile.

I segnali finora ignorati potrebbero essere la chiave

In uno studio pubblicato alla fine dello scorso anno, Johnson e il suo team hanno suggerito che potrebbe esserci un segnale sismico precedentemente ignorato che potrebbe contenere uno schema rivelatore quando un terremoto di grande entità, come il famigerato e tanto atteso terremoto di Cascadia nel Pacifico nordoccidentale, potrebbe colpire. Se l’ipotesi si dilata, potrebbe cambiare il modo in cui i terremoti sono previsti: dai secondi in anticipo a decenni prima.

I miglioramenti più recenti nella previsione dei terremoti sono stati quei preziosi secondi. I sismologi stanno lavorando per migliorare i sistemi di allerta precoce come quelli in Giappone e il sistema ShakeAlert che viene lanciato lungo la costa occidentale degli Stati Uniti. Questi sistemi inviano segnalazioni solo dopo che un terremoto è già iniziato, ma in tempo per spegnere cose come ascensori o linee del gas e avvertire le comunità più lontane dall’epicentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *