YouTube

YouTube ha bisogno di un “nuovo insieme di regole e leggi”

La piattaforma di condivisione video YouTube sta cercando di bloccare coloro che la usano per promuovere il razzismo, l’odio, la violenza e la disinformazione, secondo quanto dichiarato dal suo dirigente numero due ad AFP, mentre l’azienda di proprietà di Google è sempre più sotto esame. “YouTube è cresciuto fino a diventare una grande comunità. Altri attori cattivi sono entrati in scena. E proprio come in ogni grande comunità, è necessario un nuovo insieme di regole e leggi e un nuovo tipo di regime normativo”, ha dichiarato Neal Mohan, Chief Product Officer, in un’intervista.

La crescente pressione pubblica su YouTube e su altri social media li ha spinti a cercare di limitare gli aspetti negativi, per evitare che i governi si oppongano a una regolamentazione più severa.
I rapporti elaborati dai media la scorsa settimana rivelano che il colosso tecnologico americano Google ha raggiunto un accordo multimilionario con la Federal Trade Commission statunitense in merito a presunte violazioni delle leggi sulla privacy dei dati dei bambini su YouTube.

A peggiorare le cose, YouTube e altre piattaforme sono state considerate come un paradiso dai teorici della cospirazione che negano l’Olocausto o gli attacchi dell’11 settembre, così come per i gruppi nazisti e suprematisti bianchi. “Dobbiamo adattarci per essere sicuri che queste cose non prendano sempre più piede sulla nostra piattaforma”, ha detto Mohan.

Lo scorso mese di giugno, YouTube aveva dichiarato che avrebbe vietato i video che promuovono o glorificano il razzismo e la discriminazione, così come quelli che negano eventi violenti ben documentati, come l’Olocausto. “Due miliardi di utenti accedono alla piattaforma ogni mese”, ha osservato Mohan, “quindi dobbiamo prendere molto sul serio le nostre responsabilità come piattaforma”.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *